P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN
P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN

P07 – Statte: Caratterizzazione dell’area vasta SIN

La superficie del territorio investigato ha un’estensione complessiva di 50.337.000 mq, la scelta della localizzazione dei punti di indagine è stata effettuata sulla base di un criterio di tipo misto (ragionato-casuale), sulla base di una griglia predefinita: 250 m x 250 m nelle aree interne a quelle interdette al pascolo, 500 m x 500 m nelle aree esterne.

La formulazione del Modello Concettuale Definitivo del sit,o insieme allo studio di progettazione, è stata svolta con particolare riferimento:

  • alle caratteristiche specifiche del sito in termini di potenziali fonti della contaminazione,
  • alle caratteristiche dominanti dell’ambiente con cui il sito interagisce ed alla definizione dei possibili percorsi di migrazione dei contaminanti,
  • alle vie di esposizione e possibili bersagli.

Partendo dal Modello Concettuale Preliminare è stato elaborato il Modello Concettuale Definitivo del sito integrato con i risultati analitici della caratterizzazione ambientale. Nelle immagini seguenti sono riportati in rosso i punti di indagine con superamenti rispettivamente a profondità comprese tra 0 e 0.5m e, 0.5-1m e 1-1.5m.

La campagna d’indagini è consistita realizzazione di:

  • 400 sondaggi fino alla profondità di 1,5 metri; con prelievo di 3 campioni per ogni sondaggio;
  • prelievo di n.12 campioni di suolo in zone indisturbate;
  • prelievo di n. 28 campioni d’acqua dai pozzi presenti nell’area;
  • monitoraggio della qualità dell’aria mediante n.6 deposimetri (frequenza misurazioni 1 al mese);
  • determinazione delle coordinate dei sondaggi mediante GPS;
  • 3 tomografie elettriche a 96 elettrodi 2D e 3D per misure di resistività profonde;
  • indagini georadar nei punti di sondaggio, per mappatura di sottoservizi e elementi ferromagnetici correlabili a ordigni bellici;
  • monitoraggio e controllo in corso d’opera.